Come innescare il bibi

3

Uno dei vermi più difficili da innescare è sicuramente il bibi, una delle migliori esche per catturare grosse orate.

Il suo innesco richiede infatti molta attenzione in quanto è fondamentale non fargli perdere il liquido di cui è costituito che è quello che lo mantiene vivo e non lo fa “sgonfiare”.

Il mio consiglio è questo:

  • procurarsi un ago da pesca con apicale
  • passare il bibi (dopo averlo immerso per qualche minuto in un secchiello pieno d’acqua per farlo ammorbidire) con la parte appuntita dell’ago dalla parte della coda e far fuoriuscire l’ago poco prima della testa
  • appuntare il finale all’ago dalla parte dell’apicale e far scivolare il bibi sul filo fino ad arrivare all’amo, lasciando la punta di quest’ultimo libera.

In questo modo il bibi resterà in vita e conserverà tutto il suo potere attirante micidiale soprattutto per orate, saraghi e grosse mormore.

Condividi

L'Autore

Pescatore per religione! Le sue tecniche preferite sono quelle di pesca al colpo in mare, in primis la bolognese ultraleggera, la canna fissa, la pesca all'inglese e il ledgering. Si sfoga scrivendo su queste pagine per il poco tempo disponibile da dedicare alla attività che ama: la pesca!

3 commenti

  1. Ottimo consiglio, è un innesco da fare con precisione per non compromettere la presentabilità dell’esca e di conseguenza anche la sua capacità adescante.

  2. il bibi è ottimo sopratutto per evitare la minutaglia ed è straordinario per l’orata. di notte però le migliori esche sono arenicola e tremolina. io mi procuro la tremolina da solo, se qualcuno è interessato in ogni scatola ci sn almeno 30 capi e il prezzo è di 3 euro. maraschino90@hotmail.it