Come innescare il verme americano

5

Uno dei vermi anellidi più utilizzati nella pesca a fondo e nel surfcasting è sicuramente il verme americano. Quest’ultimo risulta micidiale per pesci come orate, spigole, saraghi e mormore.

Inoltre è un verme abbastanza resistente al lancio e non troppo gradito alla minutaglia per via della sua grandezza.

L’innesco di questo verme può creare, soprattutto ai meno esperti, diversi problemi anche perchè è dotato di due dentini aguzzi che nel caso di esemplari di taglia grande (i cosiddetti XXL) può addirittura provocare dei piccoli e fastidiosi taglietti sulle dita.

Provo a spiegarvi come faccio io per innescarlo senza problemi.

Innanzitutto premetto che è indispensabile l’utilizzo dell’apposito ago da innesco.
Per prima cosa faccio si che tiri fuori la sua bocca biforcuta, in quel momento faccio una leggerissima pressione sui lati di essa impedendogli così di richiuderla; con molta delicatezza gli infilo l’ago in bocca dalla parte bucata facendolo passare per tutto il corpo fino a meno di un centimetro dalla fine della coda; ora appunto l’amo all’ago e, sempre con la massima cautela, faccio scorrere il verme sull’amo e sulla parte finale del terminale; lascio che la testa sia libera di muoversi lasciando la punta dell’amo scoperta. Il gioco è fatto!

Sottolineo che è molto importante eseguire con la massima attenzione questa procedura perchè dobbiamo assolutamente impedire che il verme perda il suo sangue, che rappresenta il maggiore attirante per i pesci.

Voi invece? Come lo innescate l’americano?

L'Autore

Pescatore per religione! Le sue tecniche preferite sono quelle di pesca al colpo in mare, in primis la bolognese ultraleggera, la canna fissa, la pesca all'inglese e il ledgering. Si sfoga scrivendo su queste pagine per il poco tempo disponibile da dedicare alla attività che ama: la pesca!

5 commenti

  1. apposto calabrisi mi ai dato dei bei consigli.anchio vado pazzo x la pesca e o ancora tanto da imparare.speriamo bene la prossima…..ciao “u catanisi”

  2. Mi sembra un buon modo di innescare questa esca così adescante, sottolineo anch’io l’importanza di stare attentissimi a non lacerare il corpo del verme perchè ciò comporterebbe l’inevitabile perdita del sangue.

  3. Personalmente pesco spesso con l’americano un anellide micidiale, un’esca universale, a volte da preferire all’arenicola che adesca tutte le specie di pesce.
    Io lo innesco facendo attenzione che non morda perchè ha 4 ganasce che quando si attaccano non si staccano facilmente, portandolo sull’amo cercate di mettere il lato della testa sulla fine dell’amo perchè al contrario potrebbe con i suoi morsi tagliare anche uno 0,20. individuate la testa e stringetela tra 2 dita, infilate l’ago ed evitate perdite di liquido e sangue, quindi molto delicatamente portatelo sull’amo, orate mormore e spigole ringrazieranno… e anche voi l’americano!!!
    P.S. Non fatevi mordere, il morso è doloroso e a detta di qualche amico provoca anche formicolii, come una piccola anestesia… I.C.A.B.

Leave A Reply


*