Surfcasting in Corsica, l’isola dei sogni

0

La Corsica per moltissimi appassionati di surf casting, è una delle mete più gettonate per affrontare brevi vacanze dedicate alla pesca. Montuosa e selvaggia, questa magnifica isola ha da offrire una infinità di spiagge, spesso cullate da ripidi e imponenti costoni rocciosi. La Corsica è sicuramente un luogo magico per gli appassionati di surf casting per la bellezza degli arenili e per la cattura, a volte di prede da record.

Spigola a surfcasting

In Corsica la spigola della vita è possibile se si affronta la pescata con criterio

orate e saraghi in Corsica

Carniere di orate e saraghi in una battuta notturna di surfcasting in Corsica

Gli spot

Il bello di ogni isola sta nel fatto di riuscire, quasi sempre, a trovare una zona esposta ai venti, di conseguenza possiamo trovare il versante e la spiaggia che più ci aggrada, ovviamente mare mosso e schiuma saranno a nostro vantaggio.
Nonostante parliamo della stessa isola, la Corsica, possiamo dire abbia due morfologie di spiaggia molto diverse:

  • il versante est, molto simile alle nostre spiagge tirreniche con fondali medio bassi e arenili sabbiosi; tra tutte spiccano come mete turistiche per il surf casting le spiagge nei pressi di Alèria e l’immancabile Ghisonaccia, caratterizzata da una lunghissima spiaggia con numerosi accessi numerati, su queste spiagge spigole orate e ombrine sono le prede più usuali e il “super size” è sempre nei paraggi
  • il versante ovest, è per molti appassionati più intrigante ed accattivante, con spiagge molto più fonde, miste a roccia e dominate dall’imprevedibilità delle catture, come squaliformi, murene, dentici ovviamente contornati da saraghi spigole ed orate; sono infinite le zone da visitare a partire dalla spiaggia di Galeria e tutto il golfo di Calvi, da Propriano a Nonza, giusto per nominare alcune tra le località più rinomate

Anche se la morfologia delle spiagge sono molto diverse, il contenuto non cambia assai, l’importante è trovare le condizioni giuste. La presenza di mare formato e dunque di onde, schiuma e frangenti è spesso fondamentale per la cattura di qualche bella preda, è necessario monitorare le previsioni meteo e nel caso spostarsi da un versante all’altro alla ricerca delle condizioni migliori.

Spigole, saraghi, orate ed ombrine sono le prede più frequenti e maggiormente ricercate e tal volta vengono catturati esemplari veramente importanti.

Attrezzatura

Per affrontare queste spiagge, magari con delle belle onde, avremo bisogno di attrezzature potenti ed affidabili, ben vengano ripartite e rotanti oppure delle pratiche e maneggevoli canne in 3 pezzi in grado di gestire piombature ed inneschi importanti. Anche i mulinelli dovranno essere dimensionati a dovere, dunque meglio affidarsi a mulinelli potenti taglia 10000, caricati con fili mai inferiori allo 0,25 mm o in caso di pesca a corta distanza optare direttamente per una lenza diretta dello 0,30-35 mm.

razza a surfcasting

La razza, preda possibile, mette a dura prova la nostra attrezzatura

cannolicchio innescato

Il cannolicchio, legato con filo elastico, è un ottima e selettiva esca se si cerca la preda di taglia

Esche

L’aspetto più importante è sicuramente il parco esche, meglio non tralasciare nulla e dare magari spazio alla fantasia. Opteremo maggiormente per esche voluminose, faranno al caso nostro quindi americani, bibi e bibi da coffa, senza tralasciare ovviamente esche naturali, che nelle condizioni più estreme potrebbero dare i risultati migliori, tra tutte spunta il cannolicchio, la seppia e la sarda.

Montature

Le montature che andremo a realizzare saranno molto semplici ma efficaci:

  • il classico short rovesciato, magari inserendo anche più di un bracciolo, con terminali compresi tra i 50 e gli 80 cm di lunghezza, estremamente selettivo per la cattura di saraghi
  • il long arm, con un bracciolo molto lungo anche 150 cm in maniera da dare alla nostra esca mobilità e naturalezza nelle onde

Gli ami, meglio se beack, verranno sempre dimensionati in base al tipo di innesco, che ad ogni modo prima di finire in acqua avrà bisogno di una rassodata con del filo elastico.

La Corsica è veramente un isola fantastica, un luogo dove ogni pescatore, specialmente di surfcasting , dovrebbe almeno una volta far visita, non si parla del paese dei balocchi dove i pesci saltano nel secchio autonomamente, anzi, le abboccate non sono sempre così frequenti ed abbondanti, però quello che affascina, oltre che il paesaggio, è la varietà e le dimensioni di quello che all’improvviso, potrebbe attaccarsi alla nostra lenza regalandoci momenti unici e straordinari.

L'Autore

Lorenzo Secchiaroli

Nato ad Ascoli Piceno pesca fin da bambino, iniziando con la trota in laghetto e mano a mano avvicinandosi al mare. Nel 2003 inizia all'agonismo di surf casting prima e poi anche della canna da riva. Ha partecipato ad un campionato del mondo di surf casting u-16 ad uno u-21 e a 5 mondiali con la nazionale maggiore, vincendo un campionato del mondo individuale e a squadre u-16 e un argento per nazioni senior. Detentore del record mondiale di pescato in competizione di surf casting, attualmente 5° nel ranking mondiale di surf casting. Ha partecipato anche a 2 campionati europei di canna da riva con 2 medaglie d'argento. Pescatore a 360° ama e vive la pesca molto intensamente, in maniera quasi morbosa praticando tecniche di pesca anche molto differenti tra di loro.

Leave A Reply


*